Milan - F. C. INTER : 3 - 0

MILANO - È con una doppietta di Pato e con un gol, su rigore, di Cassano che il Milan si aggiudica il derby numero 276, lasciando l'Inter a 5 punti di distacco in classifica. È il 35° derby consecutivo per capitan Zanetti e il primo in nerazzurro per Leonardo, Pazzini e Ranocchia. Milan-Inter è il big match della 32^ giornata della serie A Tim 2010-2011, ma forse anche qualcosa di più. È l'incrocio di storie, tante, e di emozioni, almeno ottantamila, tante quante sono le presenze registrate questa sera allo stadio "Meazza".

 

E le emozioni, non proprio belle per i nerazzurri, arrivano dopo soli 43 secondi: il gol di Pato è un lampo che mette subito in salita il cammino dell'Inter che continuerà, senza sosta, a cercare il pareggio che Thiago Motta ed Eto'o sfioreranno soltanto. Ne resteranno solo dieci di nerazzurri in campo dal 54' per l'espulsione di Chivu, fallo su Pato ultimo uomo, ma le beffe non sono finte: arriva al 62' il raddoppio rossonero ancora con Pato, mentre è Cassano a chiudere il match sul 3-0, trasformando il calcio di rigore dopo il fallo commesso da Zanetti.

PRIMO TEMPO - Con Lucio squalificato, Leonardo sceglie Ranocchia e Chivu come coppia al centro della difesa con capitan Zanetti e Maicon terzini. Unica punta Pazzini davanti al tridente Pandev, Sneijder, Eto'o. L'assente, dall'altra parte è Ibrahimovic, in attacco il Milan punta sulla coppia Robinho-Pato.
Il match ha inizio, ma non si mette bene per l'Inter. Il Milan sblocca il risultato dopo 43 secondi con Pato: proprio il brasiliano dà avvio all'azione che con la complicità di Gattuso manda Robinho al tiro, esce Julio Cesar, ma Pato è lì e sul rimpallo ribadisce in rete di destro per l'1-0. È Pandev dall'altra parte, a cercare per primo la porta rossonera con un sinistro dalla distanza che Abbiati blocca a terra (6'), ma è ancora il Milan ad essere pericoloso con il cross di Pato che Robinho non intercetta di un soffio a pochi passi dalla porta (8'). I rossoneri reclamano il calcio di rigore al 9' quando il tiro di Seedorf è murato dal corpo di Maicon, accusato di aver allargato troppo il braccio destro. Sono soprattutto i laser a disturbare Sneijder sul calcio di punizione da circa 30 metri, dopo il fallo di Zambrotta su Pandev, che termina alto (16'), ma arriva al 19' la prima grande risposta dell'Inter con l'assist del macedone per Pazzini, che vede chiudersi la porta grazie a un perfetto tempismo di Abbiati.

Zambrotta che, dalla distanza, non trova di poco la porta (25') e gli interventi in chiusura, provvidenziali, di Ranocchia prima (25') e Zanetti poi (27'), entrambi su Pato, frenano l'offensiva rossonera. Trema la porta nerazzurra al 37' quando dalla distanza il destro fulminante di Van Bommel, complice la deviazione di Chivu, colpisce in pieno la traversa. Non è un gol, ma lo sembra, quello che Thiago Motta sfiora con il colpo di testa sul corner di Sneijder e che Abbiati con entrambe le braccia spinge lontano dalla linea di porta (38'). Era quasi gol quello di Motta, poteva esserlo ancor di più quello di Eto'o che al 43', raccogliendo il cross di Pandev, non trova la rete a pochi passi da Abbiati, mandando palla sul fondo. Senza recupero, squadre a riposo sull'1-0.

SECONDO TEMPO - Ripresa al via con gli stessi ventidue in campo, ma dopo 6' Gattuso è costretto a lasciare il campo per un problema muscolare, al suo posto c'è Flamini. Cambia ancora il match al 9' e cambia in peggio ancora per l'Inter, causa il fallo di Chivu su Pato, ultimo uomo, che costa l'espulsione al difensore rumeno. Dal calcio di punizione dal limite, è un super Julio Cesar quello che si oppone con i pugni alla conclusione potente di Thiago Silva (11'), ma nulla può il portiere nerazzurro sul raddoppio targato ancora Pato: Seedorf serve Abate che con un diagonale apre per Pato che va incontro alla palla di testa e mette in rete per il 2-0. Arriva il primo cambio di Leonardo: fuori Pazzini dentro Milito, ma è ancora di Julio Cesar la scena principale, vedi la chiusura in calcio d'angolo sul tiro di Robinho.

Dal 26' il derby è anche di Stankovic, ma è Cordoba a evitare il gol del 3-0 deviando in corner la conclusione di Robinho a tu per tu con Julio Cesar. Il confronto si ripete al 32', questa volta il portiere nerazzurro respinge con un piede il destro del rossonero. Al 44', una mano di Zanetti sulla spalla di Cassano non lascia dubbi a Rizzoli: calcio di rigore al Milan che il fantasista barese trasforma nel 3-0. Via la maglia per esultare, peccato che il fallo commesso poco dopo gli valga anche l'espulsione dopo 11' dal suo ingresso in campo. Dopo 3' di recupero, arriva il fischio di Rizzoli. Il derby è rossonero.

MILAN-INTER 3-0
Marcatori: 1' Pato. 17' st Pato, 44' st rig.Cassano

Milan: 1 Abbiati; 20 Abate, 13 Nesta, 33 Thiago Silva, 19 Zambrotta; 8 Gattuso (6' st 16 Flamini), 4 Van Bommel, 10 Seedorf; 27 Boateng; 70 Robinho (35' st 99 Cassano), 7 Pato (39' st 18 Emanuelson).
A disposizione: 12 Amelia, 15 Papastathopoulos, 76 Yepes, 77 Antonini.
Allenatore: Massimiliano Allegri

Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 15 Ranocchia, 26 Chivu, 4 Zanetti; 8 Thiago Motta, 19 Cambiasso (26' st 5 Stankovic); 27 Pandev (9' st 2 Cordoba), 10 Sneijder, 9 Eto'o; 10 Pazzini (17' st 22 Milito)
A disposizione: 12 Castellazzi, 14 Kharja, 23 Materazzi, 55 Nagatomo.
Allenatore: Leonardo

Arbitro: Nicola Rizzoli di Bologna.
Note. Ammoniti: 26' Robinho, 41' Maicon, 8' st Van Bommel, 20' st Zambrotta, 43' st Zanetti, 45' st Cassano. Espulsi: 9' st Chivu, 47' st Cassano. Tempi di recupero: 0-3'